venerdì 13 novembre 2009

Il decreto dell'intoccabile per il paese della vergogna

Forse davvero questa volta il paese è arrivato al punto di non ritorno.
Quel punto più basso in cui un paese civile e normale, popolato da persone con un minimo di intelligenza, dovrebbe svegliarsi alzare la testa e dire... fermi tutti, ora basta.
Ma in realtà non è così.
Il popolo delle libertà e l'esercito di manipolatori del diritto del premier continuano nella loro galoppata per l'immunità. Continuano fregandosene completamente delle dichiarazioni fatte davanti alle tv, dove dichiarano puntualmente di non volere fare altre leggi ad personam (vedere la puntata di Ballarò con ospite il ministro Alfano) per poi attendere qualche settimana, impegnata a studiare il caso e non per studiare manovre per dare lavoro, e presentare l'ennesimo progetto di eversione.
Una legge che porterà all'annientamento dei grandi processi come la Thyssen, la Parmalat e tutti gli altri che hanno visto vittime dirette e famiglie vittime dello Stato. Una legge che provocherebbe tutto ciò per salvare una persona... per salvare un plurindagato, plurinquisito... per salvarlo da Mills, dai diritti Tv.
Per assurdo il paese ormai si trova in una situazione in cui sarebbe meglio che il pdl e il premier presentassero una legge dove ci fosse scritto apertamente che "il signor Silvio Berlusconi non può e non potrà mai essere messo in galera per nessun tipo di reato, ne ora nè mai"... per assurdo solo in questa maniera il paese potrebbe vedere i grossi processi che tutti conosciamo andare avanti e le famiglie e i morti che chiedono giustizia potrebbero averla.
Tutto ciò per assurdo... ma di normale qui non c'è più niente, davvero più niente.

6 commenti:

  1. Io lo dico da tempo: garantiamogli l'impunità a vita se in cambio si ritira alle Bermuda.

    RispondiElimina
  2. temo una cosa purtroppo,che il punto di non ritorno l'abbiamo gia' passato da un pezzo (spero di sbagliarmi)

    RispondiElimina
  3. @evergreen. Ti ringrazio molto. Lo sconforto porta a scrivere certe cose
    @kempest. Credo che tu abbia ragione purtroppo
    @sciuscia. Temo che l'obiettivo del pdl sia proprio quello... senza mandarlo alle Bermuda però

    RispondiElimina
  4. Ciao, mi chiamo Guido Mastrobuono e sono un cacciatore di articoli per un concorso che si chiama “Concorso Permanente di Parole ed Immagini” e mette a confronto articoli che stimolino una discussione in ambito folisofico, sociale o politico (vedi l’indirizzo http://lavoristi.ning.com/profiles/blogs/concorso-permanente-di-parole ).

    A mio avviso, questo articolo arricchirebbe il nostro concorso e volevo suggerirti di inserirlo.

    Il concorso, in realtà, è una scusa per convincere la gente a metterci a disposizione spunti per la discussione. Noi poi ne parliamo e ci creiamo un’idea nostra sui più svariati argomenti.
    Infatti, la concorrenza tra autori non è una cosa che ci appartiene: noi creiamo nella collaborazione. E dal confronto con gli altri, noi aumentiamo il nostro sapere.
    Comunque la pubblicazione offerta in premio ai vincenti è vera ed effettiva.

    Se lo vorrai, potrai tranquillamente inserire, al piede degli articoli un link al tuo blog cosa che lo renderà più noto e facilmente raggiungibile.

    Un saluto

    Guido Mastrobuono

    RispondiElimina
  5. @guido. ti ringrazio molto per la segnalazione

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;