martedì 24 novembre 2009

Passaparola. Travaglio..."Il primo Capo di Stato che canta ha fatto l'uovo"



"...“ le riforme si fanno per i cittadini e non per i singoli, l’ho sempre pensato e oggi ne sono più che mai convinto: basta con le leggi ad personam, che non risolvono i problemi della gente e non aiutano il Paese a migliorare” e va beh, fin qua ci sono arrivati in tanti. Poi aggiunge, Ciampi, che è Senatore a vita e è il Presidente della Repubblica dal 99 al 2006 e che, quindi, di quelle leggi non per i cittadini ma per uno o per i suoi complici ne ha viste parecchie e qualcuna l’ha respinta: ricorderete che Ciampi respinse al mittente la Legge Gasparri numero uno, respinse al mittente l’ordinamento giudiziario Castelli, respinse al mittente la Legge Pecorella, quella che aboliva l’appello del Pubblico Ministero ma non dell’imputato e poi qualche altra frattaglia, ma insomma le cose più importanti furono quelle, quelle ad aziendam e ad Benlusconem o ad Berlusconum sono quelle tre lì, che lui ha respinto. Purtroppo non respinse la “ legge salva Rete Quattro”, anzi il decreto salva Rete Quattro, che portava la firma di Berlusconi, ossia di colui che beneficiava del decreto che salvava Rete Quattro perché altrimenti, entro una settimana - era il dicembre, il Natale del 2003 - secondo la sentenza della Corte Costituzionale Rete Quattro avrebbe dovuto essere spenta sull’analogico terrestre e mandata su satellite oppure, per rimanere accesa sull’analogico, avrebbe dovuto cambiare padrone, cioè essere venduta con un grave danno pubblicitario per Berlusconi, il quale invece ha continuato a introitare guadagni pubblicitari con una televisione che, senza quel decreto, era abusiva e che quel decreto ha legalizzato ex post, senza superare naturalmente i rilievi della Corte Costituzionale e poi della giustizia europea."

5 commenti:

  1. Appunto, l'uscita ipocrita di Ciampi non fa che mettere di più in imbarazzo Napolitano in una situazione già difficile...

    RispondiElimina
  2. @russo. assolutamente d'accordo

    RispondiElimina
  3. io francamente non rieso a capire,il presidente della repubblica dovrebbe essere (diciamo cosi')colui che fa' da garante per conto dei cittadini nei confronti del potere politico.Tuttavia si rende complice dello stesso e senza battere ciglio avvalla leggi assurde e incostituzionali.va bene che un testo puo' rimandarlo solo una volta alle camere e la seconda e' costretto a firmare,ma il solo fatto di rimandarlo anche solo una volta sarebbe un segnale importante per la nazione

    RispondiElimina
  4. @kempest. Ha ragione. Il comportamento di Napolitano è inaccettabile... un presidente della repubblica che dovrebbe vigilare sulla costituzione continua a firmare leggi senza fare una piega vedendosele respingere poi dalla corte costituzionale, per non parlare dell'abuso che sta facendo il governo della fiducia che ripone su tutte le leggi, altra cosa non prevista dalla legge.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;