mercoledì 25 maggio 2011

Don't Chrysler for me... ci pensa la Fiat

Ci sono cose più alte di noi.
Irraggiungibili come quei barattoli di cioccolata che magari la mamma metteva nello scaffale in alto proprio per non farcelo prendere.
Vedere ma non toccare.
Vedere ma non capire.
Vedere ma non sapere.
E a volte neanche vedere.
Sarà che sono genovese e quando si parla di soldi le orecchio si trasformano in quelle si Spock.
Sarà che mi viene difficile pensare ad un prestito restituito qualche giorno prima, figuriamoci 6 anni prima.
Sarà che della gente con i golfini sulle spalle ho imparato a diffidare da tempo.
Insomma io non sono un economista, e me ne vanto, ma la domanda sorge spontanea... come si fa a restituire un prestito di 7,6 milioni di dollari con 6 anni di anticipo in tempo di crisi, con le commesse in calo, con i problemi che il signor Marchionne ha spiegato così chiaramente al nostro paese mentre distruggeva i diritti dei lavoratori?
Io sinceramente una risposta da economista non l'ho trovata.
Però il miei sospetti in stile Fletcher si aggirano attorno ad un uomo con un ego smisurato e tanta tanta voglia di apparire come salvatore della patria a stelle e strisce, per poter urlare un giorno "Mister Obamaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa", che ha deciso di usare il proprio paese quello brutto sporco e cattivo a forma di stivale per guadagnare qualcosa e farlo poi apparire magicamente oltre oceano.
Il tutto logicamente con la complicità di sindacati imbarazzanti (CISL e UIL) che assomigliano più ad azionisti con la erre moscia, con il consenso di una parte della politica sempre pronta a mettersi a 90, sulle spalle di coloro che rappresentano il lavoro vero con la tuta blu, e dando il via al periodo più pericoloso della storia dei diritti dei lavoratori inaugurando la moda del "straccio il contratto quando voglio" con tanto di concorso per chi lascia più operai a casa al quale ha partecipato immediatamente la Fincantieri.
Ma ripeto io non sono un economista.
Non ho mai visto e mai vedrò 7,6 milioni di dollari.
E vi giuro con non ho un golfino.
Ma una tuta sempre pronta assieme a tanta rabbia.

17 commenti:

  1. Dunque.
    Conti presto fatti: 7.600.000 milioni di dollari diviso 30.000 operai cassintegrati = 253,33 dollari cada-operaio.

    RispondiElimina
  2. Sindacati? Chiamarli ancora così è un'offesa a chi li ha fatti nascere!!

    RispondiElimina
  3. Forse sta crescendo un nuovo blocco sociale: e spero sia, dopo tante false partenze, la volta buona!

    RispondiElimina
  4. per me quello del golfino s'è decurtato lo stipendio per due anni.
    ahahaha.

    RispondiElimina
  5. bravo Ernest...

    p.s.:alla faccia di tutti quelli che avevano creduto alle loro balle!

    RispondiElimina
  6. sono d'accordo Ernest
    i sindacati esistono pur non facendo niente e chi lavora riesce solo a vedere le situazioni precipitare...
    non c'è da credere in nessuno...
    buon mercoledì ^__________^

    RispondiElimina
  7. 7,6 milioni? saranno miliardi, quelli coi milioni ci si soffiano il naso... ma anche per sono cifre che a malapena riesco a scrivere ;-)
    sai... io mi chiedo ancora se è la fiat che ha conquistato gli usa o gli usa che hanno acquisito un nostro marchio.

    RispondiElimina
  8. Rimane solo la Cgil ancora a difendere il lavoro in Italia.Saluti a presto

    RispondiElimina
  9. Sarà che quando ce la si prende nel c..o è tardi per parlare di immaginazione ma siamo già andati oltre.
    E da noi, l'oltre, l'abbiamo passato da tempo... :-/

    RispondiElimina
  10. quali sindacati ? cisl e uil ? mah, io credevo fossero affiliati alla confindustria...

    RispondiElimina
  11. Poi dicono che i soldi vanno investiti. Che fretta c'era di restituirli in questa maniera?

    RispondiElimina
  12. Andavano rstituiti velocemente perché gli interessi erano altissimi.

    RispondiElimina
  13. ma siamo sicuri che
    lo stivale sia il suo paese,
    quelli, sindacati dei lavoratori...
    e che dire del golfino?

    RispondiElimina
  14. Sai spesso rifletto proprio sui sindacati. Sono i maggiordomi delle aziende o come hai scritto tu, degli azionisti. Per carità scopriamo l'acqua calda, non siamo ingenui, ma sarebbe ora di ritornare ad avere un sindacato che cerca di difendere per davvero i lavoratori. Stiamo andando in una direzione molto pericolosa, se qualcuno non mette i freni o cerca di fermare la macchina, non prevedo niente di buono, tutt'altro.

    RispondiElimina
  15. L'Alchimia moderna
    ovvero l'arte di trasformare il nulla, in oro...

    un milione, cento miliardi, quattro trilioni di miliardi... numeri con catene di zeri così lunghe da non poter più essere concepite dall'uomo... ecco come i moderni Alchimisti fottono l'umanità intera... sparano formule e fanno magie, lasciandoci stupefattamente tutti con le bocche aperte (per fame più che per stupore!)... complici un'infinità di valletti, vallette e vallettoni, organizzati, strutturati in forme, istituti, aggregazioni, enti e sottostrutture...
    Tocca lasciar perdere gli zeri, le formule ed i rituali e guardare fissi alla sostanza delle cose... e questa parla da se. L'economia mercantile non garantisce alcun futuro all'umanità ed al pianeta...

    un saluto da Altrove

    RispondiElimina
  16. Alla mia età ho tutto il diritto di chiedere dove sono andati a finire i diritti - per l'appunto -
    conquistati con dure lotte.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;