mercoledì 21 settembre 2011

Ai nostri "vecchietti"


Lo so dovrei essere abituato, dopo 10 anni.
Ma non è così e credo che non lo sarà mai. Il giorno prima te ne vai saluti e poi...
Troppe volte si ripetono nella giornata gesti automatici, fatti senza pensare, troppe volte ci si ferma poco con quelle persone che in fondo non chiedono tanto.
Ti ho visto entrare qui dentro. Aiutato a proteggerti da stesso che volevi stare fuori, all'aperto, nel tuo parco, nella tua strada, intento a pulire e tenere pulito.
Ho visto le prime volte che non ci volevi stare, che guardavi la porta seduto nel corridoio, aspettando sempre qualcuno, occupando il posto più vicino all'uscita come a voler dire "intanto io esco".
Ti ho rincorso più volte per strada per riportarti indietro, a volte riuscendoci e a volte rimanendo fuori per ore perché non c'era storia.
Rivolevi la tua piazza.
Forse troppe volte questa dannata fretta che ci accompagna per tutta la giornata mi ha impedito di fermarmi, di parlare di più. Forse.
Poi un giorno entri e non vedi più quel posto occupato ma non pensi che...
Poi ancora un altro giorno e un altro ancora, e ancora e ancora.
E poi chiedi e ti rispondono quello che in fondo sapevi già, perché in questi posti succede così.
Dovrei essere abituato.
Ma è impossibile.

22 commenti:

  1. Solo chi ci mette il cuore non si abitua. Mai.

    RispondiElimina
  2. (Sapienti)

    Ora che non si muore più di parto
    ed è raro che si cada in trincea

    (certo, ci sono i cani sguinzagliati
    ad azzannare – Infarto, Cancro, Ictus... –
    ma non sempre finiscono la preda),

    molti ne puoi incontrare: non di antichi
    e antiche, no: di vecchie e vecchi,
    senza onore né garbo tremolare,
    coperti dieci metri contentarsi
    amaramente fedeli a un bastone
    o a un braccio tra pietoso e infastidito,

    e quanti ne indovini, oltre muraglie
    e vetrate incupite, balbettarsi
    l'un l'altro non memorie non speranze
    ma il programmato nulla che li sfianca
    in capo a un'ora...

    Eppure sono i soli
    sapienti sulla terra, loro i fiori
    che fanno campo e a volte primavera:

    ti chini ad ascoltarli, tu che poco
    sai e quel poco malamente e invano –
    ma non è più la loro lingua intera.

    Silvio Ramat

    RispondiElimina
  3. Faccio un lavoro anche io a cui

    NON MI ABITUO MAI.
    E tu devi essere fiero del tuo cuore.

    RispondiElimina
  4. Grande cuore in questo post; saluti a presto.

    RispondiElimina
  5. Il giorno in cui ti abitui è anche quello in cui è venuto il momento di smettere.

    RispondiElimina
  6. Parlaci più spesso del tuo lavoro Ernest, così darai voce anche a loro...o forse meglio ancora, impareremo anche noi a dar loro ascolto.

    RispondiElimina
  7. non ci si può abituare, in nessun caso. e mi fanno incazzare anche quelli che dicono: "che ci vuoi fare, tanto era vecchio e pazzo"...

    RispondiElimina
  8. belle parole e bei commenti

    c'è ancora umanità là fuori

    volpe

    RispondiElimina
  9. ecco ernest, non abituarti mai... ci si consuma un po' di più, ma ne vale la pena

    RispondiElimina
  10. Il tempo maledetto ... o siamo noi maledetti che non ci fermiamo a fare quello che sentiamo con la scusa del tempo (non fartene una colpa è così per molti, dobbiamo storcere insieme le lancette dell'orologio e liberare il tempo).

    RispondiElimina
  11. Forse non ci si abitua o ci si pensa troppo tardi...in fondo a noi stessi abbiam paura di esser dimenticati e di sederci in quella piazza come loro.
    Bellissimo post

    RispondiElimina
  12. Grazie di questo post che hai dedicato a noi vecchietti- io di anni ne ho 81 - e per tutto quello che fai.
    aldo.

    RispondiElimina
  13. c'è tutta la tua straordinaria bellezza interiore in questo post. P.S. E' vero che andiamo sempre di fretta. Quando si è giovani, il domani si dà per scontato e io mi porterò sempre il fardello di non aver "salutato" mio nonno, convinta di trovarlo il giorno dopo, nel suo lettino d'ospedale. Un caro saluto

    RispondiElimina
  14. "restiamo umani"

    "... essere duri senza mai perdere la tenerezza"

    "c'è bisogno di educazione sentimentale"

    Grazie Ernest :-)

    RispondiElimina
  15. Diari veri i tuoi diari...

    saluti da Altrove
    cdA

    RispondiElimina
  16. E' la vita, e alla vita non ci si abitua mai.
    Splendido post.Grazie.

    RispondiElimina
  17. Se si é persone serie, non ci si può abituare, no!

    RispondiElimina
  18. ...difficile abituarsi, fanno parte del tuo quotidiano e esulano dal fatto che sia il tuo lavoro, questo ti fa soffrire, non puoi farci niente e vedi di non farci niente, resta così "umano".
    Buona giornata Ernest ;-))

    RispondiElimina
  19. L'abitudine fa morire anche noi...

    RispondiElimina
  20. Un bel pensiero rivolto ai nostri anziani, che siamo noi fra qualche anno; bistrattati dai giovani - vecchi del futuro, sempre che un futuro abbiano - ed inaciditi, spesso, dalla vita; chi non coglie il dolore negli occhi dei nostri vecchi quando vedono come sta marcendo il mondo, non coglie ciò che lo aspetta, ed al posto del cuore ha una pietra. Conosco alcuni vecchietti che sono molto più giovani di me e della maggior parte della gente della mia età. Quando se ne va uno di questi è un colpo nell'anima. Ci si sente più soli di quanto già non si sia.

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;