lunedì 5 settembre 2011

Ti ricordi quando avevamo un lavoro?

Avete presente quando si giocava all'età di 7-8 anni?
Ad un certo punto quando ci si diceva qualcosa, la si sparava grossa, più grossa dell'altro sempre più grossa fino al punto che si trovava il metodo per vincere... tipo specchio riflesso una cosa del genere.
Ecco questa è l'immagine che stanno dando i nostri emeriti statisti al governo.
Metto, tolgo, aggiungo col riporto di 4 diviso 2 per l'ampiezza del mazzo fatto agli italiani moltiplicato il numero di giramento di palle dei cittadini diviso il numero delle cazzate dette da Silvio moltiplicato le false partenze del Pd diviso il prezzo della piadina più coca cola alla festa dell'unità per il conto corrente di Montezemolo. Ed ecco la crisi è passata!
Prima le pensioni...
Poi i nostri soldi...
Poi le tasse ai soliti pirla...
Ora colpi di maestro signori e signori, la crisi la si sorpassa solamente se c'è più LIBERTA' DI LICENZIAMENTO.
E certo volete mettere un paese dove uno si alza la mattina e non è libero di mandare a casa quello sfigato di un dipendente, che diciamolo gli sta anche un po' sulle palle lui e il suo Manifesto, e via con quelle menate delle vertenze sindacali... a casaaaaaaaaaa! Senza passare dal via e senza ritirare le 20mila lire, solo 20 carte di imprevisti perchè le probabilità sono finite nel cesso.
Licenziare signori e signori il segreto è quello, altro che dare sicurezza alle persone.
Altro che dare uno stipendio normale a tutti in modo da poter far riprendere il consumo.
Altro che lavorare meno tutti per far lavorare tutti.
Altro che pensare ad una parità sociale vera.
Altro che diritti sul posto di lavoro.
Qui si va diritti a casa tutti se non ci si sveglia, questi non si stanno occupando della crisi e inoltre invece di prendere provvedimenti per il paese fanno quello che avrebbero voluto fare da anni cioè cancellare la Statuto dei lavoratori e calpestare la costituzione.
Domani si sciopera per il lavoro di tutti, per il futuro di tutti, per non svegliarsi una mattina e dire... "cazzo ma una volta avevo il pavimento sotto i piedi!"

14 commenti:

  1. Sembrava che peggio di com'era non potesse diventare, e invece lo sta diventando.

    RispondiElimina
  2. A me questi del governo fanno pensare ai bambini beccati all'asilo mentre "rubano" la marmellata. Si incolpano a vicenda e alla fine chi è stato?

    RispondiElimina
  3. NO, non me lo ricordo più! Lo sogno. O forse no: mi sto assuefacendo alla mia personale decrescita… felice più o meno!

    RispondiElimina
  4. Presidio pemanente nelle piazze e l'ora che gli italiani si riprendono il Paese.Saluti a presto

    RispondiElimina
  5. Pavimento sotto i piedi? Sicurezza? Solidità? Lavoro per tutti? Tasse eque? l'Italia tutte queste belle parole se le è scordate da un pezzo. Purtroppo. Tanto chi paga, alla fine siamo noi. La parte debole, che non decide. E che invece potrebbe essere forte...

    RispondiElimina
  6. e noi sempre zitti, sembrava che l'inverno del nostro scontento dovesse essere il preludio della sveglia generale, la primavera ci aveva confortato,dovevano essere già tutti a casa, ma poi tutti al mare e nessuno che parli... vedremo domani e dopo e dopo

    RispondiElimina
  7. A me sembra che imdignandosi così come facciamo noi giustamente sia paragonabile come un "vuoto a perdere". Parole che a 'sta gentaglia - centro, destra e parasinistra - non gliene possono fregare di meno. E allora dai, che si faccia qualcosa per far sì che qualcuno ci dia retta.
    Ma esiste? E chi è?

    RispondiElimina
  8. Per troppo tempo i nostri cari italioti li hanno votati, per troppo tempo se ne sono fregati di tutto.
    Adesso arrivano i conti da pagare.
    E questo caro Ernest è solo l'inizio.

    RispondiElimina
  9. Una buona notizia (nessuno ne parla)

    http://testimonedeltempo.blogspot.com/2011/09/il-risveglio-di-un-popolo-o-solo-un.html

    RispondiElimina
  10. specchio riflesso finanziaria dentro al cesso.

    RispondiElimina
  11. Non lo so: si movimentano straordinarie energie poi si è punto e a capo.

    RispondiElimina
  12. Le conquiste sono sempre faticose ...

    RispondiElimina
  13. Ernest, non hai capito nulla, l'articolo 8 serve per creare maggiore occupazione. Ce lo ha spiegato Sacconi. Vieni a leggere il mio post...

    RispondiElimina
  14. parecchio incazzato6 settembre 2011 15:34

    Favorevolissimo a maggiore libertà di licenziamento e punire con la galera(due cose che devono andare di pari passo) chi affonda volontariamente le società svuotandole.

    Sul licenziamento: un imprenditore serio non si priverebbe mai di un collaboratore valido, invece oggi non si può liberare di un fannullone paraculo.
    Certo la libertà di licenziare andrebbe ben definita, non posso licenziare una maternità o una malattia ma se uno fa lo str... perchè devo pagare per allontanarlo?
    Poi parliamoci chiaro, fino a 3 annetti fa era il contrario, investivi su una persona e questa(come una prostituta) appena gli venivano offerte 5 lire in più se ne andava, perchè devo investire su questa persona?
    Dall'alra parte perchè chi fotte, non paga, manda in fallimento persone serie deve sempre e comunque averla vinta?
    Perchè uno non ti paga un lavoro fatto perchè ha difficoltà e poi ti dice "ne riparliamo quando torno dalle ferie"????
    ferie un belino, se non ha i i soldi per pagare i debiti stai a casa e lavori per recuperare!

    RispondiElimina

Latest Tweets

 
;